mercoledì 8 ottobre 2014

29 settembre 2014: il giorno in cui in Italia la sinistra smise di esistere (ed ora che si fa?) - Vito Biolchini

29 settembre 2014: chissà se un giorno i libri di storia ricorderanno questa data come quella in cui in Italia la sinistra smise di esistere. Non “morì”, giacché le idee non muoiono mai, ma proprio cessò di essere rappresentata all’interno di una organizzazione politica di massa (per quanto questo voglia ancora dire qualcosa).
La direzione nazionale del Pd, per gli argomenti ascoltati e per il voto finale, ha segnato l’ennesimo strappo, forse l’ultimo, tra una lunga esperienza politica variamente interpretata come “di sinistra” e il partito oggi egemone in Italia.
I ragionamenti di Renzi sul mondo del lavoro (con le conseguenti ricadute sul tema delle tutele) non appartengono evidentemente al pensiero della sinistra. Eppure il segretario del Pd continua ad autoproclamarsi portatore di valori e ideali che affondano le loro radici nell’uguaglianza sociale. Non è la prima volta che le utopie della sinistra vengono capovolte: Renzi è solo l’ultimo epigone di una lunga serie.
Maria Teresa Putzolu su Sardegna Soprattutto ha fatto ben notare che ormai “tra chi riceve la lettera di licenziamento e chi la manda non c’è più nessuna differenza”. Un gioco di specchi che genera fraintendimenti e dal quale ci salva l’analisi di Norberto Bobbio. Nel suo “Destra e sinistra” del 1994, spiegò come non riconoscere la disuguaglianza significasse, di fatto, esaltarla.
Per esempio: Renato Soru è stato (mi sembra di aver capito) l’unico sardo ad essere intervenuto ai lavori della direzione, e non ha gradito il passaggio di Massimo D’Alema riferito ai “padroni”: “Non ci sono padroni” ha detto: lui. Se il futuro segretario regionale del Pd si trovasse a ripetere nel corso di un esame universitario quanto detto l’altro giorno a Roma tra i rapporti tra Costituzione lavoro e impresa, probabilmente il suo libretto volerebbe dalla finestra.
La sinistra in Italia non esiste più. Altri ne ricostruiranno gli ultimi anni di vita, individuando mandanti e complici di questa sparizione: a noi resta solo il compito di certificarne la scomparsa dalla scena politica. Essere di sinistra ormai è come essere repubblicani, liberali, monarchici: si è portatori di valori e istanze che non trovano alcun partito in grado di rappresentarle da una posizione di forza.
Ed ora che si fa? (to be continued)

2 commenti:

  1. Aveva ragione Silvio: quelli di sinistra sono dei coglioni. E lo sono al punto che si accorgono troppo tardi di esserlo... e nemmeno tutti!
    Battute a parte, questa ""politica"" dovrebbe chiarire (almeno a qualcuno) che da parecchio tempo non esiste più la politica, ma il marketing per gli italidioti di destra e per gli altrettanto italidioti di sinistra.
    Ecco cos'è la politica: l'applicazione delle proprie capacità, sfruttando le credenze altrui.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "mala tempora currunt", direbbe di nuovo Cicerone

      Elimina