mercoledì 19 novembre 2014

eroi del nostro tempo

dice Wikipedia che “un hacker  è una persona che si impegna nell’affrontare sfide intellettuali per aggirare o superare creativamente le limitazioni che le vengono imposte nel campo della tecnologia, non limitatamente ai suoi ambiti d’interesse , ma in tutti gli aspetti della vita. (da qui)
…Pekka Himanen, nella sua opera L’etica hacker e lo spirito dell’età dell’informazione…spiega che un hacker non è (come si crede comunemente) un criminale, vandalo o pirata informatico con grandi competenze tecniche (questo è il “cracker”), ma l’hacker è chiunque lavori con grande passione ed entusiasmo per quello che fa.
Gli hacker, condividendo risorse e formando community in cui si verifichi un continuo e costante scambio di informazioni e insegnamenti, recuperano valori tipici della società moderna europea, dando nuovo vigore all’etica della cittadinanza; in questa etica riveste un ruolo centrale il computer, che accresce la libertà di espressione e attraverso cui i valori della società taylorista e fordista vengono rivisti e stravolti. L’etica hacker è un’etica di tipo assiologico, ovvero è un’etica basata su una determinata serie di valori. Himanen ne elenca alcuni fondamentali:
  • Passione
  • Libertà
  • Coscienza sociale
  • Verità
  • Antifascismo
  • Anti-Corruzione
  • Lotta contro l’alienazione dell’uomo
  • Eguaglianza sociale
  • Accesso libero all’informazione (Cultura Libera)
  • Valore sociale (riconoscenza tra simili)
  • Accessibilità alla rete
  • Attivismo
  • Responsabilità
  • Creatività






4 commenti:

  1. Anonymous ha hackerato anche il sito del Ku Klux Klan. Nella prossima vita voglio fare l'hacker.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. il corso di hacker sarà il più frequentato :)

      Elimina
  2. Splendido omaggio (ho letto anche l'altro post, non tutti gli articoli ma alcuni) sia a lui che a questa figura verso la quale, a volte io stesso, ho molti pregiudizi.
    Come in tutte le cose ci saranno virtuosi e viziosi.
    E virtuosi come lui ce n'erano pochi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. questi tutti sono persone che hanno rischiato tutto per qualcosa che ci interessa tutti.
      dopo che uno sa questo, i pregiudizi evaporano, secondo me

      Elimina