venerdì 14 marzo 2014

ricordo di Tony Benn

Tony Benn era un gigante della politica britannica, che ha dominato con la sua natura ribelle più di sessant’anni di vita pubblica, dalle esperienze di governo laburista negli anni Sessanta all’opposizione al thatcherismo negli Ottanta, dalla lotta interna al Labour contro Neil Kinnock e Tony Blair, all’impegno contro la guerra in Iraq all’inizio del nuovo millennio…
… Nel 2001, quando decise di lasciare il parlamento dopo cinquant’anni di presenza, disse che lo faceva per avere «più tempo da dedicare alla politica». E mantenne l’impegno: dapprima cominciò a girare le scuole, i teatri, le chiese per discutere di democrazia e partecipazione popolare (serate sempre strapiene) e poi divenne il leader carismatico del movimento contro la guerra in Iraq, arrivando alla rottura definitiva con la leadership del Labour. «Non sono io ad essermene andato – mi disse durante il nostro incontro – sono loro (Blair e Brown) che non stanno più dove sono i nostri membri e i nostri valori». «Se il primo maggio venissero in piazza sarebbero fischiati», aggiunse, consapevole della stima che veniva invece tributata a lui alla fine di ogni manifestazione pubblica.
E anche oggi, nel giorno della sua morte, da parte di amici e nemici si levano voci unanimi di rispetto nei confronti di un uomo politico con il quale si poteva essere in totale disaccordo ma del quale si vedeva sempre la profonda convinzione e i valori che lo animavano.

Una fede è qualcosa per cui tu muori, una dottrina è qualcosa per cui uccidi. C'è tutta la differenza del mondo - Tony Benn

2 commenti:

  1. quelli così se ne vanno, e arrivano dei pessimi, siamo messi male davvero

    RispondiElimina