martedì 2 giugno 2015

Il falso arresto di Khalida Jarrar: la 'giustizia' israeliana della vergogna - Gideon Levy

Ecco un caso che  pone le seguenti domande  :   Israele è uno stato di diritto?  il regime nei suoi territori occupati è una dittatura militare?  Israele non detiene i prigionieri politici ?  il sistema giudiziario militare nei territori ha qualche tipo di connessione, per quanto debole, al diritto e alla giustizia ?  In base a  queste domande Israele è una democrazia?. 
Suona esagerata? A volte, un caso è sufficiente per dimostrare una tesi.
Khalida Jarrar, membro del parlamento palestinese, è stata arrestata due mesi fa  In un primo momento Israele ha dichiarato che l'avrebbe deportata a Gerico per sei mesi, ma Jarrar ha rifiutato di riconoscere la legittimità di questa deportazione . .
Poi è stata posta in detenzione amministrativa, come punizione per il suo rifiuto di essere espulsa,ma  l'esercito israeliano  si è o spaventato per le  proteste internazionali. Così ha deciso di  processarla .
L'accusa  dovrebbe essere studiato in ogni scuola di legge: uno schiaffo alla legalità  e un atto di accusa fabbricato . Così si comporta  il sistema che osa definirsi un "sistema giuridico", con "giudici"  "verdetti" e "udienze".  Ognuno partecipa  a questa festa con costumi ridicoli  e prende sul serio il proprio ruolo senza senso. Questo  è il risultato.
Jarrar, una attivista politico veterana che non ha precedenti penali secondo le autorità di occupazione,eletta in elezioni democratiche e che si batte per i diritti delle donne e la liberazione dei prigionieri, è accusata di una pletora di reati per i quali il termine   " grottesco "," parodia  "o" farsa "sarebbe fin troppo gentile. Di che cosa è accusata? Delfatto che lei si oppone all'occupazione, ha visitato un prigioniero liberato ,  ha chiesto la liberazione del leader del suo movimento (il Fronte Popolare per la Liberazione della Palestina),   ha partecipato ad una fiera del libro e ha  "chiesto il benessere degli attivisti e il successo dei libri in mostra ",ha concesso interviste  e organizzato conferenze,  ha partecipato a marce  e ,forse,neanche l'accusa è sicura di questo ,una volta ha incitato a rapire  soldati al fine di ottenere la liberazione dei prigionieri palestinesi.
Un atto di accusa vergognoso , uno dei documenti legali più ridicoli  mai scritti  dal sistema giuridico militare. Un sistema  dove il giudice saluta il pubblico ministero, che lo supera per grado militare, ed entrambi  sono  ebrei ortodossi,  forse anche coloni  . Un sistema giuridico che non traduce  le parole del giudice per l'imputato  e dove un  giudice ritarda la sua decisione di liberarla dopo 72 ore e  la detenzione si prolunga per una settimana (!) .Ma che importa ?
Quindi Jarrar trascorrerà questo fine settimana in carcere  anche se  il giudice militare ,avendo  riconosciuto la falsità delle accuse, ne  aveva ordinato il rilasciato su cauzione. Il giudice d'appello ,infatti,  ha ordinato di imprigionarla  fino alla fine del processo. L'IDF,infatti,  aveva avvisato che se fosse  stata  liberata,  per lei  sarebbe scattata la  detenzione amministrativa. Questo è lo stato di diritto.
Una parlamentare femminista, una deputata, coraggiosa, determinata e patriottica, viene detenuta con un falso arresto  ed è come se nulla fosse accaduto. Una manciata di membri della Knesset di sinistra ha preso la briga di visitarla e di parlare a suo nome, ma a parte questo, c'è stato  un silenzio assoluto.  Il portavoce della Knesset non ha protestato ,  il presidente della Corte Suprema non ha detto  una parola. Così hanno fatto le organizzazioni delle donne e la maggior parte dei media.
Un giorno, (forse) qualcuno chiederà : Dove eravate quando Jarrar stava marcendo in carcere? Che cosa avete fatto, allora?Avete capito che con il vostro silenzio vergognoso, avete contribuito a trasformare Israele in uno stato di prigionieri politici : oggi  tocca a Jarrar  e domani  a voi ?

2 commenti:

  1. Bravo giornalista Levy. Sono andato a recupeare l'originale e a diffonderlo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. più che bravo è straordinario :)

      Elimina